Se cerchi un chorus di alto livello, il pedale effetto di Eventide Ticerachorus può essere la soluzione alla tua ricerca. Forse la sua interfaccia può sembrare complessa rispetto ai più comuni effetti chorus ma solo a un primo approccio. Tuttavia, qualsiasi chitarrista più esperto e alla ricerca di un pedale malleabile, ottimo anche per lo studio di registrazione e con grandi possibilità sonore, troverà nell'Eventide Tricerachorus una validissima soluzione. È un chorus ma anche grazie ai suoi controlli è in grado di sconfinare nel flanger e nel tremolo. Come si può già apprezzare dalle prime battute della video recensione condotta da Pietro di Accordo.it, il chorus di Eventide riesce facilmente a rievocare anche alcuni suoni tipici come la chitarra dei Police e dei Nirvana (giusto per fare un esempio) e, perché no, ci potete suonare anche la sigla di Better Call Saul!

 

L'interfaccia del chorus Eventide

Come anticipato l'interfaccia del pedale (che somiglia al già recensito Blackhole) presenta due footswitch e 6 manopole di controllo che, tramite un pulsante switch retroilluminato, raddoppiano le loro funzioni portandosi a 12. Per migliorare la comprensione dell'interfaccia Eventide mette a disposizione 5 mascherine che, appoggiate sul pedale stompbox, indicano le regolazioni delle manopole per ottenere i relativi preset.

 

Segui anche la video recensione del particolarissimo riverbero Blackhole sempre di Eventide:

 Recensione Eventide Blackhole

 

Perché Tricerachorus?

Tricerachorus è un po' un gioco di parole che però rende l'idea dell'effetto. Il nome rimanda esplicitamente al dinosauro Triceratopo che possedeva tre grossi corni sulla testa, allo stesso tempo indica che l'effetto sfrutta tre tracce di chorus indipendenti e personalizzabili.

TABELLA COMPARATIVA

Eventide TriceraChorus


PREZZO: 318,00 €


RECENSIONE:

(83 voto/i, media: 100 di 100)

Disponibilità Immediata

 

Le caratteristiche principali dell'Eventide Tricerachorus

Come già detto il chorus Eventide possiede 5 preset e 6 controlli con doppia funzione. Ogni suono creato può essere salvato in un preset e controllati via USB, Midi e con cavi Jack TRS. L'ingresso può essere mono o stereo e l'uscita è stereo per ampliare le potenzialità espressive del chorus. Tuttavia è opportuno ricordare che questi pedali, come anche l'Eventide Blackhole, possono essere utilizzati anche da strumenti a tastiera come pianoforti digitali, keyboard e sintetizzatori (o qualsiasi altra cosa), e quindi ingresso e uscite stereo sono quanto mai necessarie.

Le prime tre manopole sono:

  • Mix: dosa l'intensità del segnale permettendo il passaggio da Chorus a Vibrato sino a Chorale
  • Rate: gestisce la velocità dell'LFO
  • Detune: dosa la stonatura attraverso l'algoritmo MicroPitch Shifting di Eventide. Questo, come recita il sito ufficiale permette di ricreare spazi lussureggianti come le giungle del cretaceo in cui viveva il Triceratopo.

Dopo queste manopole si giunge alle tre linee di Chorus Left, Center e Right regolabili in maniera individuale. Questo è il vero coniglio dal cilindro dell'effetto. Attraverso la combinazione delle tre linee si possono ottenere molteplici sfumature, stravolgimenti sonori, ma niente paura, l'effetto può essere settato anche per sfumature impercettibili.

 

Non finisce qui. Azionando il selettore switch retroilluminato si aggiungono altri 6 parametri modificabili (leggi su Accordo.it) e il footswitch Swirl crea più movimento in tutto.

 

Recensione e mini tutorial del Ticerachorus

Le svariate regolazioni possono far sembrare questo Chorus Eventide un po' ostico. Da un lato può anche essere vero, ma per raggiungere dei suoni più caratteristici è necessario dedicarci un po' di tempo, e ovviamente bisogna poter agire su più regolazioni. La recensione condotta da Accordo.it permette di introdursi nell'argomento e di cominciare a capire come orientarsi tra i suoi controlli.

 

 

Gli altri effetti in formato stompbox recensiti

Boss Space Echo

Boss Space Echo

 

Universal Audio Woodrow '55

 L'amplificatore valvolare in formato stompbox: proviamo il Woodrow '55 di Universal Audio

(76 voti, media: 98 di 100)